Maggio – Giugno 2019: Nuove frontiere della Fitoterapia

Un nuovo ciclo di lezioni ai Laboratori di Erboristeria e salute integrale, dall’8 Maggio al 15 Giugno 2019, dedicato alle nuove frontiere della Fitoterapia.

Come mai questo titolo? Le piante medicinali non sono note da millenni? Cosa possiamo aspettarci di nuovo da una conoscenza così antica?

Ebbene, possiamo aspettarci in realtà tantissimo, può sembrare strano ma siamo appena all’inizio nella conoscenza della vita delle piante, in particolare delle piante medicinali che sono dei prodigiosi laboratori in cui vengono formati farmaci viventi in grado di sanare una grande quantità di  mali e disturbi che affliggono l’umanità.

Alle virtù sanatrici dei farmaci vegetali hanno attinto gli uomini nel loro lungo percorso sulla terra e ancor prima gli animali, che istintivamente ricercano un’erba per liberarsi da un imbarazzo gastrico o per lenire una ferita o contrastare l’azione di una sostanza  velenosa.

Oggi possiamo unire la  tradizione erboristica, collaudata e ben conosciuta, alla scienza, alla sperimentazione scientifica, grazie alla diffusione degli scritti e delle conoscenze in modo assai più ampio e rapido che nel passato, senza limiti di distanze geografiche, e grazie allo sviluppo scientifico e tecnologico che contraddistingue la nostra era, un’era e un’umanità che ha sete di toccare con mano, di sperimentare, di conoscere.

Continua a leggere

Annunci

Aprile – Giugno 2019: Simboli del Medioevo

Sabato 27 Aprile con la visita guidata al Duomo di Modena e all’Abbazia di Nonantola, due dei luoghi più mirabili del Medioevo europeo, riprende il Corso dedicato ai “Simboli del Medioevo”, a cura di Alessandro Mazzucchelli, Augusta Corradetti, Marco Bracali, Susanna Santoni e Gabriele Cubattoli. Il Corso prevede cinque lezioni e cinque visite guidate, come da programma dettagliato al termine dell’articolo. Non mancheranno esercitazioni e momenti interattivi per un approccio diretto al mondo dei simboli.

Il Medioevo ci mostra un mondo popolato di figure e simboli: semplici o complessi, narrativi, allegorici o astratti, evocativi o stranissimi o decisamente misteriosi, li troviamo ovunque, nelle stesse forme e misure delle chiese romaniche e delle cattedrali gotiche, scolpiti sui portali, sulle colonne e sui capitelli, disegnati nelle tarsie dei pavimenti e nei mosaici delle cupole, affrescati e dipinti, cesellati sugli oggetti sacri e miniati nei capilettera dei manoscritti.

Continua a leggere

IL PROCESSO AI TEMPLARI parte 3 – di Alessandro Mazzucchelli

Lezioni di Archeosofia

Terza Parte

IL LUPO SOTTO LA VESTE DELL’AGNELLO

Leggiamo alcuni passi del decreto di arresto:
«Filippo, per grazia di Dio re di Francia […] Una cosa amara, una cosa deplorevole, una cosa sicuramente orribile da pensarsi, terribile da sentire, un crimine detestabile, un misfatto esecrabile, un atto abominevole, un’infamia oltraggiosa, una cosa del tutto disumana, ancora di più, estranea ad ogni forma di umanità, è pervenuta alle nostre orecchie, grazie ai rapporti di parecchie persone degne di fede, non senza colpirci di un grande stupore e farci fremere di un violento orrore […]

View original post 4.769 altre parole

8 Marzo 2019 – Inizia il Laboratorio di Astrologia

Venerdì 8 Marzo 2019 alle 18.00 riprende le sue attività il Laboratorio di Astrologia, che proseguirà con cadenza settimanale tutti i venerdì alla stessa ora, presso la Sezione dell’Associazione Archeosofica di Firenze in Lungarno Guicciardini 11/r.

Come è strutturato il laboratorio?

In ogni appuntamento affronteremo tematiche specifiche, approfondendole con spiegazioni teoriche e con esempi pratici. Ogni incontro riguarda un argomento preciso. Vedi il programma in fondo all’articolo …

Continua a leggere

Marzo – Aprile 2019: Astri e piante medicinali

METODO ASTROLOGICI APPLICATI ALLA RACCOLTA E PREPARAZIONE DELLE PIANTE MEDICINALI

A Firenze, presso la nostra sede, Lungarno Guicciardini, 11/r, nei Laboratori di Erboristeria e salute integrale ci dedichiamo a individuare i tempi astronomici ottimi per raccogliere le piante medicinali e prepararle secondo l’arte erboristica in modo da avere erbe officinali e preparati più efficaci; a partire da Mercoledì 6 Marzo, con la possibilità di partecipare a due classi diverse, una alle 18 e l’altra alle 21.

Tutti sono a conoscenza di quanta influenza abbia la Luna sul taglio dei capelli, quanto essa condizioni l’umore delle persone, così come chi si occupa di giardinaggio tiene conto delle fasi della Luna sia per seminare che per potare le piante, ma non mancano esempi in altri campi: dall’imbottigliare il vino al taglio del legname da stagionare, alla preparazione di conserve e altro.

Quando raccogliamo una pianta o quando prepariamo un decotto o un infuso, oppure quando prendiamo un rimedio erboristico per un certo malessere, quanto influenzano il tempo balsamico e il tempo astronomico?

Continua a leggere

Febbraio – Aprile 2019: Corso di respirazione e ginnastica psicosomatica

Lunedì 18 febbraio 2019 alle 18.30, presso la sede dell’Associazione Archeosofica in Lungarno Guicciardini 11/r,  inizia un nuovo Corso – Laboratorio di Respirazione Energovitale e Ginnastica psicosomatica, con esercizi graduali di rilassamento, calma mentale, concentrazione e direzione del pensiero.

Durante nove lunedì e nove giovedì svolgeremo lezioni “esperienziali” della durata di un’ora e quindici minuti. Sarà un tempo ed uno spazio  dedicato alla scoperta di noi stessi, al nostro benessere, ad acquisire un grado maggiore di consapevolezza, di coscienza di ogni aspetto del nostro essere, partendo dal livello del corpo fisico, macchina perfetta e parzialmente autonoma, ma anche molto delicata.

Continua a leggere

IL PROCESSO AI TEMPLARI – di Alessandro Mazzucchelli

Lezioni di Archeosofia

(Seconda Parte)

LA MACCHINA DEL FANGO

Comunque siano andate le cose a questo riguardo, è certo che il “clima” intorno al Tempio si era fatto tempestoso, tanto che, nell’estate del 1306, in risposta alla convocazione del pontefice che lo vuole alla sua presenza, insieme al maestro dell’Ospedale Folques de Villaret, per discutere di nuovo dell’unificazione degli ordini e della futura crociata, Jacque de Molay scrive al papa, chiedendo che apra un’inchiesta sullo stato del Tempio e ponga fine alle mormorazioni. Clemente V gli richiede di portargli la regola templare perché la possa leggere; dopo la morte del papa nel 1314, due copie della regola furono trovate sul suo comodino.

View original post 1.941 altre parole