21 Aprile 2015 – Alle frontiere dell’aldilà

Martedì 21 Aprile alle ore 21.15, incontro a ingresso libero dal titolo “Alle frontiere dell’aldilà”. Relatore: Daniele Corradetti.
La morte è uno fenomeni più importanti della vita umana. Sebbene essa sia al centro di gran parte dei media, di spettacoli, rappresentazioni teatrali; sebbene venga esorcizzata e a volte persino esasperata nei film e nelle serie tv, tuttavia la morte in quanto tale costituisce ancora un tabù della nostra società contemporanea. Il fascino e l’interesse che suscita questo fenomeno sono in certo qual modo il segno che, dietro l’evento del trapasso, si nasconde un grande mistero che appena adesso inizia ad essere intravisto dalla scienza contemporanea, ma che da secoli è indagato dalle tradizioni misteriche e religiose…

In effetti che cos’ è il processo della morte e qual’è il destino della vita dopo la morte? In ultima analisi che cosa è la morte?
Secondo la scienza medica la morte è un processo di cessazione delle attività fisiologiche. Queste attività sono cardiache, respiratorie, cerebrali. In mancanza di queste attività certamente il corpo fisico è morto. In particolare da un punto di vista legale la persona viene considerata morta quando si assiste ad una permanente assenza di attività elettrica della corteccia cerebrale. Questa definizione poggia le sue fondamenta sulla convinzione che la coscienza umana risieda nella corteccia cerebrale e quindi che dopo qualche ora di assenza di stimoli elettrici in tale zona del cervello, siamo in presenza di una morte cerebrale.
Da questo punto in poi la scienza contemporanea non investiga.
Non solo non investiga ma la comunità scientifica ritiene persino impossibile il poterlo fare. Infatti uno dei problemi che attualmente ostacolano l’indagine sulla vita dopo la morte è il dogma culturale profondissimo e assoluto che “non si può sapere cosa c’è dopo la morte”.
Perché “non si può” sapere? A questa semplice domanda si oppone la risposta comune: “Non si può sapere cosa c’è dopo la morte perché nessuno è morto ed è tornato indietro a raccontarcelo”.
Nella conferenza di Martedì 21 Aprile vedremo le testimonianze di moltissimi casi scientificamente documentati e accertati di persone che sono morte e sono tornate a raccontarci cosa c’è oltre la morte.
Si tratta delle famose “esperienze ai confini della morte” o “esperienze di pre-morte” (in inglese NDE, Near Death Experience).
Tratteremo questi argomenti nell’occasione della presentazione della riedizione del volume “Il Libro Cristiano dei Morti” di Tommaso Palamidessi, il frutto di uno studio trentennale sull’argomento alla luce di indagini comparate ed esperienze personali dell’autore.

Per informazioni:

tunnelMorte 02

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.