18 Ottobre 2013 – Il Libro Egiziano dei Morti

Venerdì 18 Ottobre alle ore 21 secondo appuntamento di un ciclo di incontri  presso la Biblioteca delle Oblate dedicato alle tradizioni orientali e occidentali sui misteri della morte e della rinascita con il “Libro Egiziano dei Morti“. Relatore Franco Naldoni. Ingresso libero

2

Uno dei principali aspetti che ha caratterizzato la società e la religione egiziana è la preoccupazione per il futuro che aspettava l’anima nel Regno dei Morti.

Questo Regno dei Morti era –per quanto possiamo ricostruire- un luogo oscuro, pieno di insidie e di pericoli, in cui un defunto –se sprovvisto degli accorgimenti magici necessari- si sarebbe trovato come un naufrago in balia della tempesta, alla mercè di ogni abitante oscuro, senza possibilità di visione, senza poter camminare o muoversi secondo il proprio cuore o la propria volontà, e in questo stato di tramortimento spirituale egli avrebbe subito quel famoso giudizio al Tribunale di Osiride, oppure al Tribunale di Ra.

Infatti secondo la tradizione funeraria egiziana, l’anima, una volta morto il corpo e dopo un travaglio più o meno lungo, doveva subire un processo di pesatura del cuore davanti al tribunale di Ra (o di un’altra divinità). Il suo cuore veniva posto su un piatto della bilancia e sull’altro veniva posta una piuma della Dea Maat (Dea della Giustizia e della Verità). In questo frangente il defunto doveva giustificarsi difronte ai 42 giudici di questo tribunale dimostrando di conoscerli uno ad uno e di non aver commesso delle specifiche colpe alle quali essi presiedevano. Se il cuore –in questa lunga confessione- veniva giudicato più pesante della piuma di Maat, allora l’anima veniva gettata in pasto al coccodrillo Ammit, oppure gettata nello Stagno di Fuoco dove dimorava il “Divoratore per Milioni di Anni”, se invece durante tale giustificazione i piatti della bilancia non si sbilanciavano e il cuore rimaneva leggero come la piuma di Maat, allora il defunto era “veramente giustificato” e poteva attendere all’unione con la divinità.

Nell’incontro organizzato dall’Associazione Archeosofica  e dalla Commissione Cultura del Comune di Firenze presso la Biblioteca delle Oblate tratteremo di questo testo, descrivendo dettagliatamente il percorso del post-mortem secondo la tradizione egiziana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...